E così ha inizio.

Il primo, ufficiale, post con il nuovo template, sul nuovo sito.
Sono passati ormai due anni da quando ho aperto il blog www.frattagliafumante.com e, da allora, con alterne fortune e con alterni impegni, ho cercato di portarlo avanti.

Lo ammetto, non proprio seriamente.

Ok, io non faccio praticamente nulla seriamente, ma questa del blog, davvero, meno del solito.
poi qualcosa è scattato…

La storia.

All’inizio l’idea era quella di aprire una sorta di contenitore per vignette. Una cosa alla Zerocalcare per capirci. Un blog a fumetti.

Il problema è che disegnare è fatica. Il risultato è stato che il ritmo della pubblicazione dei contenuti è stato a dir poco flemmatico e quindi anche il livello di coinvolgimento dei miei (pochi) lettori, ha avuto uno sviluppo simile.

Ma torniamo indietro un attimo all’idea
Devo aprire questo contenitore, ci devo mettere le vignette, non ho assolutamente voglia di combattere con la realizzazione del sito web, quindi prendo Wordpress e lo lancio a casaccio
ehm lo imposto con cura.

Beh, parliamoci chiaramente, se non hai pretese, Wordpress è facilissimo. Lo trovi installato nel server del provider e via. Lo lanci, scegli un Tema grafico e via…
Quasi…
Scegli il tema grafico e installi qualche plug-in… Qualche decina.

Intanto il database frulla, tu attivi i pulsanti social (non sei molto social ma i pulsanti ci vogliono), Attivi i commenti

E BAM!

tempo due minuti, il primo commento!!! È Spam ovviamente, ma tu non lo sai ancora. Quindi installi un filtro anti spam.

un plug-in per velocizzare la cache, uno per ottimizzare qualcosa, un altro per fare qualcosa che non hai capito bene con i certificati di non sai bene cosa e un altro per il disclaimer sulla privacy di cui non sai nulla.

e via…

Insomma, via un paio di scatole. E il sito fa schifo!!!

Senza fatica non si ottiene nulla - Anonimo

Quando ti ritrovi con un Blog che in due anni ha pubblicato a malapena 50 articoli e che, nonostante questo, ha un database delle dimensioni di quello della NASA, due domande te le devi fare.

Ed eccoci qui. Grazie a Riccardo Palombo, sono venuto a conoscenza dell’esistenza di HUGO, un generatore di siti statici.

Cos’è un sito statico? È un bel sito come si facevano una volta, con l’HTML, statico, senza database e creazione dinamica dei contenuti. Codice, codice codice.

Una noia mortale dunque e ventordici file e fogli di stile dunque?

NO, questo è il bello. Tutta la robaccia la crea HUGO, noi blogger ignoranti dobbiamo solo scrivere gli articoli dopo aver scelto un tema (io ho scelto il meraviglioso Tranquilpeak di Louis Barranqueiro, convertito per HUGO da Thibaud Leprêtre).

WOW quindi hai un editor testuale e nessuno sbattimento? FANTASTICO!!!

Ehm… Non proprio… Bisogna imparare a scrivere con la sintassi Markdown in un editor di testo drammaticamente spartano, ma niente che non si possa imparare con qualche ora.

E poi cambia il mondo!!!

Poi cambia davvero il mondo. Ti ritrovi con un sito leggerissimo, che carica in un lampo e che è anche bello ed elaborato (molto stilish definirei il mio).

Va bene, all’inizio c’è da impazzire, non ve lo nascondo, ma quando hai capito le basi, i risultati sono fantastici.


di caprio
Ora dai, inizia a programmare…

In più, diciamocelo, ti senti davvero un figo a fare il grassetto con gli asterischi 😂 HUGO è davvero POTENTE e davvero TALEBANO.
Cioè, mi spiego. Di base non puoi nemmeno giustificare il testo. Lo vuoi fare? HTML!!! (o meglio CSS, che tipo deprecabile che sono).

Vuoi cambiare colore CODICE!!!

Vuoi mettere una didascalia ad una immagine? CODICE!!!

e MUTO.

Ma vabbè, ci sta. Piano piano si impara tutto. Il vantaggio di poter avere un sito leggero, che si può tranquillamente hostare gratuitamente vista la scarsissima manutenzione che richiede, è impagabile (e sono pure 70 euro in meno l’anno 😆).

Quindi tutto rose e fiori?

Ma nemmeno per idea!!! 😅

C’è da convertire gli articoli da quella mostruosità di Wordpress al nostro elegante sito statico…

una passeggiata… 😅

E di questo parleremo un’altra volta

Ma la cosa veramente positiva è che il Blog è vivo ed è belliffimo e finalmente sono motivato a riempirlo di fesserie, come è da sempre il mio stile 😎.